Carrello vuoto
Carrello vuoto
    cantina_cirria.png

    Un sapore antichissimo da poco riscoperto, finalmente nelle vostre case

    La Cantina Cirrià è legata alla storia della famiglia Santori. Il capostipite Santori Ciriaco (1889-1969) invalido della grande guerra, ha trasmesso l’arte della coltivazione della vite e della vinificazione ai figli Rinaldo Italo e Artemio. Ancora oggi “il piccolo Adriano” che quasi cinquant’anni fa passeggiava tra i filari con nonno Ciriaco si dedica alla cura della vigna insieme a sua moglie Maria Rita titolare dell’azienda agricola e ai figli Rino e Andrea.

    La bontà e la qualità dei nostri vini sono sempre state riconosciute da tutti quanti hanno avuto l’occasione di assaggiarli.
    Nel 2016 è nata l’idea di dedicarci alla produzione e alla promozione del mosto cotto, una primizia da sempre presente nella nostra cantina,  riservata solo ad amici e parenti. Un giorno ci siamo detti “Visto che ogni volta che lo facciamo assaggiare  tutti se ne innamorano, perché non farlo conoscere ad un pubblico più vasto?



    Il nostro mosto cotto

    Il mosto cotto è una bevanda dolce della tradizione abruzzese, per un piacevole dopo pasto o una pausa di meditazione. Si abbina perfettamente a biscotti secchi o dessert semifreddi. Ottimo per la preparazione di dolci tipici

    Solo le uve migliori accuratamente selezionate e raccolte a mano vengono destinate alla produzione di questo concentrato di bontà.
    Il mosto-fiore ottenuto dalla spremitura soffice di uve intere senza alcuna diraspazione viene fatto decantare e successivamente raccolto in grandi e antichi paioli in rame per una lunga e lenta cottura. Dopo oltre 20 ore di attesa otteniamo la giusta concentrazione zuccherina per il nostro mosto cotto.
    L'affinamento di 24 mesi (12 in botti inox e 12 in barrique di rovere)  conferisce al prodotto il caratteristico retrogusto che lo rendono unico nel suo genere.

    UVE UTILIZZATE Montepulciano d'Abruzzo, Merlot, Cabernet, Trebbiano d'Abruzzo, Pecorino, Malvasia di Candia, Malvasia di Candida, Cannonau
    GRADAZIONE ALCOLICA 0,75% - 1,2% impercettibile
    GRADAZIONE ZUCCHERINA 450 / 550 gr. di zucchero litro
    TIPOLOGIA TERRENO argilloso medio impasto
    ALTIMETRIA 200 - 300 metri s.l.m
    ESPOSIZIONE sud - ovest
    SISTEMA D'ALLEVAMENTO controspalliera
    SISTEMA DI POTATURA cordone speronato
    RESA PER ETTARO 80 q.li di uva circa
    VENDEMMIA selzione e raccolta manuali
    bottiglia.jpg
    bio.jpg

    La scelta biologica

    Per il nostro mosto cotto abbiamo bisogno di uve molto zuccherine. Per questo modelliamo le nostre vigne in modo da ottenere pochi grappoli, sani e forti.  Ecco perché possiamo permetterci di utilizzare gli stessi trattamenti naturali usati dai nostri nonni, tutti rigorosamente biologici nel pieno rispetto della natura.
    vegan.jpg

    Cuore Vegan

    Il nostro mosto cotto è prodotto secondo metodi naturali, senza l’aggiunta di nessun composto di derivazione animale come purtroppo avviene spesso nel vino con l’impiego di albumina e caseina. Nelle nostre bottiglie c’è solo mosto d’uva cotto e invecchiato in botti di rovere, nel pieno rispetto dei principi vegani.

    Un’esplosione di sapori

    Secondo la tradizione viene ottenuto dopo una lunga e lenta cottura di uve molto mature. Un procedimento lungo e laborioso realizzato in grandi paioli di rame fino a ottenere una concentrazione di circa 1/3. Può essere consumato subito o affinato in botti per ottenere un'ulteriore concentrazione.
    uva-vinificazione1.jpg

    Meno alcol più gusto

    Il mosto cotto a differenza del vino cotto o del vinsanto non contiene alcol.  L’intenso gusto fruttato e caramellato lo rendono adatto alla consumazione da parte di donne e bambini. Difatti nel mosto cotto sono presenti sali minerali, vitamina A, e diverse vitamine idrosolubili (B1, B2, B6, C).
    logo-apiugusto.jpg

    A cosa serve?

    Il mosto cotto può essere gustato a fine pasto con dei biscotti secchi, oppure utilizzato come guarnizione di dessert semifreddi come panne cotte, gelati alle creme o macedonie.
    La tradizione vuole che alla nascita di un figlio si metta a maturare una piccola botte di mosto cotto per poi assaporarlo il giorno delle sue nozze.
    panna-cotta.jpg

    Origini storiche

    Il mosto cotto è una bevanda tipica da sempre presente sulle tavole delle famiglie abruzzesi. Già durante la Roma Imperiale questo liquido denso veniva utilizzato per addolcire e arricchire il sapore dei cibi. Aggiunto all’acqua fresca era usato per creare una bevanda dissetante ed energetica: l’energy drink degli imperatori.
     
    romani-vino.jpg

    L'idea del Mosto Cotto

    Una primizia da sempre presente nella nostra cantina riservata ad amici e parenti. Un giorno di ci siamo detti “Se tutti quelli che lo assaggiano se ne innamorano, perché non imbottigliarlo e farlo conoscere a tutti ?”

    Nel 2016 è nata l’idea di dedicarci alla produzione e alla promozione del mosto cotto: una vera e propria primizia da sempre presente nella nostra cantina riservata esclusivamente ad amici e parenti. Ci siamo detti “Visto che ogni volta che lo facciamo assaggiare tutti se ne innamorano, perché non imbottigliarlo e farlo conoscere al grande pubblico?

    Ecco dunque la nascita del marchio “Cantina Cirrà” che ha origine dal nome della nostra famiglia, lo studio del packaging e le certificazioni bio e vegan per dare il giusto risalto e valore ad un prodotto che di per sé è già preziosissimo.

    Contatti

    La cantina

    C.da Pignotto, 81
    64010 Controguerra (TE)
    Italy

    Il punto vendita

    Via Roma, 330 angolo Via dei castani 
    64014 Martinsicuro (TE)
    Italy
    0861 737030
    info@mostocotto.bio
    © Alessandrini Maria Rita - Via Pignotto, 81 64010 Controguerra - P.IVA 00860720671 - CF LSSMRT55S57A462P